bianco&nero digitale

3ds MAX · Iray · LightRoom
La fotografia in bianco e nero è tanto affascinante quanto insidiosa, l'assenza del colore complica la definizione della scena e ad accompagnare il lettore attraverso l'immagine rimangono gli effetti dati dall'alternanza di luci e ombre.

Essendo un 3D artist impegnato a dare un senso fotografico sempre maggiore alle mie opere, mi ritrovo spesso a farmi questa domanda: riesco a farlo con gli strumenti a mia disposizione? Ho pensato quindi di cimentarmi nella composizione di uno scatto in bianco e nero.

Dopo aver eseguito la preliminare ricerca per la selezione delle references, con carta e matita ho abbozzato la composizione.
Tutto va creato ex novo, non esiste nulla di pronto come in natura, ciò mi obbliga a fare tutte le considerazioni del caso sul soggetto, sugli oggetti che compongono l'immagine, la loro posizione nello spazio e l'importanza che hanno nella lettura finale. Poi ci sono i materiali e gli effetti volumetrici, leggermente meno complicati essendo rappresentati in tonalità di grigio. Ho renderizzato direttamente in bianco e nero per non perdere mai di vista l'obbiettivo.


Il contributo della post produzione è stato minimo, l'effetto glow del solo render era insufficiente e ho simulato l'indice RMS di una pellicola analogica Kodak TRI-X 400, forse la più utilizzata in ambito b/n da 60 anni.

NOTA: per chi fosse iscritto alla comunità di treddì (www.treddi.com), cosa che consiglio sia ai curiosi che agli addetti ai lavori, ho postato 
QUI il medesimo render, aprendo una discussione dove ho pubblicato alcune interessanti considerazioni sulla fisica dei materiali e la simulazione dell'effetto nebbia in alternativa all'utilizzo dell'effetto atmosferico fog, che in Iray non è previsto.

Nessun commento:

Posta un commento

Ciao, ti ringrazio anticipatamente per il tuo commento.